back
ENG
Membership

Precious Lee

The Storyteller

"Amo creare momenti per la prima volta rompendo gli schemi"

Il Calendario Pirelli 2023 celebra le muse che hanno ispirato la fotografa Emma Summerton e, più in generale, la forza, la passione e il talento di tutte le donne.


Quando la rivoluzionaria top model e sceneggiatrice nascente Precious Lee lavora ad un copione, preferisce togliersi le scarpe e sdraiarsi sul pavimento per entrare in collegamento con la terra.

Infatti, per il servizio per il Calendario Pirelli 2023 con Emma Summerton, è esattamente ciò che ha fatto Lee.


“Stavamo preparando il set ed [Emma] chiedeva cose del tipo ‘Cosa fai quando scrivi effettivamente?’” rivolgendosi alla modella nata ad Atlanta, una delle più ricercate nel mondo della moda di oggi “Sto così, stesa sul pavimento... devo stare sdraiata e ricollegarmi con la terra’.


La risposta di Summerton è stata immediata: “‘E perché indossi le scarpe? Togliti le scarpe e sdraiati per terra.’ E così ha fatto, ...ed è in questo momento che sono iniziati gli scatti di Precious, ritraendola più come scrittrice, che come modella che indossa un abito. E tutto è andato al posto giusto.”


Ritratto della scrittrice


Nel Calendario della fotografa dal titolo Love Letters to the Muse, in cui Summerton rende omaggio alle donne che l'hanno influenzata in modo creativo, fotografando modelle che condividono talenti e passioni, Lee ha il ruolo di “The Storyteller” (la Narratrice)


“È stato un momento veramente bello quello che ha portato dallo scatto di una foto di moda, attraverso una conversazione, al ritratto della modella come scrittrice: tutto ciò è stato veramente interessante e divertente”, ha affermato Summerton.


/

Lee, che è un'appassionata sostenitrice della diversità di razze e taglie nella moda, in televisione e nel cinema, ha descritto lo scatto come “onirico” e ha apprezzato la natura integrata e collaborativa dell'approccio di Summerton. “Mi è veramente piaciuto il suo modo di porre le domande... Ho pensato che sarebbe stato straordinario rappresentare questo aspetto nello scatto.”


Il set era una stanza desolata, bianca, ispirata a Kubrick, con solo una lampada, un divano color panna e una fotografia di fiori. È stato “come la pagina vuota dove prendono vita i pensieri, i personaggi”, ha spiegato Summerton. La luce filtrava tra le veneziane di un'unica finestra su Lee, che indossava un abito lungo Di Petsa viola selezionato per rappresentare l'inchiostro che scorre e un copricapo scolpito di un colore abbinato all'abito.


“Mi piace essere in grado di entrare in un personaggio, mostrando una parte diversa di me più espressiva e creativa”, ha affermato Lee. “È proprio un modo eccezionale per esprimere la dualità che sento e che vivo nel mio lavoro e la capacità di sapere esprimermi come sceneggiatrice e come modella.”


Promozione dell'inclusività


Negli ultimi anni Lee ha dimostrato una forza incontenibile, portando il proprio programma nel settore della moda (“Questo è stato il solo modo in cui ho potuto farlo”, ha affermato), e le è stato riconosciuto di avere inaugurato una nuova era di inclusività nel mondo della moda.


"Negli ultimi anni Lee ha dimostrato una forza incontenibile, portando il proprio programma nel settore della moda”


Nel 2015 è stata la prima modella curvy di colore ad apparire sulle pagine di Vogue America. L'anno successivo è stata la prima modella curvy di colore ad apparire su Sports Illustrated Swimsuit Issue.


Lee, che è anche attrice, ha solcato le passerelle per Michael Kors, Tommy Hilfiger, Fendace, Jean Paul Gaultier, Balmain, Moschino e Rihanna’s Savage X Fenty, e ha partecipato a campagne per numerosi marchi di lusso. Nel settembre 2020 è stata una delle prime modelle curvy a sfilare per Versace e la prima modella curvy afroamericana protagonista della campagna primavera 2021 del marchio. Nel settembre 2021 è apparsa sulla copertina di Vogue America come una delle “modelle in grado di rivoluzionare il settore”.


“Amo creare momenti per la prima volta rompendo gli schemi”, ha affermato Lee, aggiungendo che la partecipazione al Calendario Pirelli è stata “super eccitante”, sapendo “quello che porto e cosa rappresento e le persone a cui mi rivolgo”.


Aprendo la strada


Lee, che durante la scuola media aveva deciso che sarebbe diventata avvocato, ha iniziato a lavorare come modella all'età di 18 anni dopo aver partecipato ad un concorso ad Atlanta. “So di non essere qui per creare uguaglianza”, ha affermato.


"Quando andavo a scuola – avendo avuto l’opportunità di diventare una modella, ho realizzato il legame tra la mia volontà di diventare avvocato e il mio essere modella: avrei aiutato a ridurre, attraverso il mio lavoro, i limiti posti dalla società sui corpi delle donne, specialmente in un campo come quello dell’alta moda.”


Fare moda a modo proprio è stata una sfida, che lei ha deciso di accettare. “Penso questo sia il motivo per cui sono diventata una modella con una missione e una modella con una passione", ha raccontato.


“Poter fare tutto ciò con il mio lavoro è a volte come un sogno e sono grata di essere in grado di mantenere la rotta e non scoraggiarmi per non avere un percorso già segnato per me.”


Per quanto riguarda la sceneggiatura, Lee dice che è qualcosa di così “sacro per me che è addirittura terapeutico”. Ha iniziato a scrivere copioni perché ha realizzato che molti dei ruoli non sono scritti avendo in mente attrici che abbiano le sue stesse caratteristiche. “Voglio avere un impatto positivo rispetto alla trasformazione della rappresentazione femminile che includa la televisione e il cinema”.


“Ho sempre avuto la passione per la scrittura, per queste storie, è sempre così naturale, che ho pensato ‘Perché non scrivi la storia che vorresti vedere?’ E penso sia stato un modo per me per fare un passo avanti e far diventare il mio sogno realtà.”