back
ENG
Membership

Ashley Graham

The Activist

"Volevo essere una voce per le generazioni più giovani perché si potessero sentire più a proprio agio con i loro corpi"

Il Calendario Pirelli 2023 celebra le muse che hanno ispirato la fotografa Emma Summerton e, piùi n generale, la forza, la passione e il talento di tutte le donne.


Ashley Graham fa risalire alla sua gioventù la presa di coscienza dell'esigenza di maggiore diversità fisica nel settore della moda.


“Secondo me, questa esigenza è nata perché non avevo nessuno da prendere come riferimento nella fase di crescita – qualcuno a cui potermi relazionare in merito al mio corpo”, ha affermato la modella, sovvertitrice del settore della moda e ardente sostenitrice dei concetti di body positivity e di inclusione.


Nessuno mi ha “mai parlato di cellulite”, ha ricordato. “Nessuno mi ha mai parlato di sedere grosso, nessuno è stato in grado di essere onesto.” Ha desiderato incontrare “qualcuno da percepire come reale e onesto in merito alla realtà dei nostri corpi”.


“Volevo essere una voce per le generazioni più giovani perché si potessero sentire più a proprio agio con i loro corpi.”


Storia di copertina


Graham ha da sempre sconvolto il mondo della moda e delle passerelle. Nel 2014, è stata cofondatrice di ALDA, un'iniziativa mirata a rappresentare “la bellezza in generale — senza divisioni, confini e soprattutto, IN TUTTE LE TAGLIE”. Poi, nel 2016, dopo anni di attività come modella, la giovane nativa del Nebraska ha avuto un momento di interruzione della sua carriera, diventando la prima modella plus-size o curvy ad apparire sulla copertina di Sports Illustrated’s Swimsuit Issue. L'anno successivo è stata la prima modella plus-size ad apparire sulla copertina dell’edizione Americana di Vogue, insieme a Kendall Jenner e Gigi Hadid. È anche stata fotografata da Patrick Demarchelier per la copertina dell'edizione di gennaio 2017 dell’edizione inglese di Vogue, che non aveva mai pubblicato prima una modella plus-size in copertina.


Si è trattato di un cambiamento epocale per un settore che aveva tradizionalmente escluso le modelle più in forma dagli incarichi di più alto profilo. Presto Graham si è ritrovata ovunque – sulle passerelle della Paris Fashion Week ed è stata la prima modella ad ottenere il Women’s Empowerment Award in occasione del banchetto delle United Nations Women for Peace Association nel 2018. La Mattel ha anche prodotto una Barbie personalizzata con le sue misure nel 2016.


Rivoluzione di un settore


Graham ha aperto la strada a una vera discussione sulle realtà del corpo. “Ho iniziato ad avere fiducia nella mia cellulite e nel mio sedere grosso e nella cellulite sulle mie braccia,” ha affermato alla CNN nel 2016. “Questo è quello che si comprende dalla copertina di Sports Illustrated.”


Ha sfilato in passerella per Fendi, Dolce & Gabbana, Michael Kors e Tommy Hilfiger, tra gli altri, e ha partecipato a campagne pubblicitarie per Revlon, Calvin Klein, Marina Rinaldi e Levi’s. Ha anche condotto un TEDx Talk dal titolo “Plus-size? More like my size”, ha disegnato una linea di lingerie, ha partecipato come giudice per America’s Next Top Modele realizzato il memoriale A New Model: What Confidence, Beauty and Power Really Look Like.


Nel 2020, Graham è stata fotografata da Annie Leibovitz conquistando la sua prima copertina da sola per Vogue America, incinta, avvolta in un caftano oro, con accanto le parole “la modella che ha cambiato un settore”.


Oggi ha 18,6 milioni di follower su Instagram, dove promuove il suo messaggio sulla body positivity e auto accettazione con post molto personali e senza filtri sul tema di cellulite, corpo post-gravidanza e maternità. Con il marito Justin Ervin ha avuto un figlio, nato nel 2020, e due gemelli, nati nel 2022.


A voce alta


Nel Calendario Pirelli 2023 Love Letters to the Muse di Emma Summerton Graham rappresenta “The Activist” (l'Attivista). Summerton, ci spiega, si è sempre ispirata agli attivisti, ed ammira le molte modelle che utilizzano le loro piattaforme social per sensibilizzare su temi delicati, come fanno Cameron Russell e Adwoa Aboah.


“E Ashley Graham è una di queste”, afferma Summerton. “Si sente molto bene con il suo corpo. Ha un rapporto positivo con la sua fisicità, con la sua persona. È una donna fantastica, sexy, divertente, intelligente, straordinaria... e ho pensato che era importante avere qualcuno [nel Calendario] che parlasse di questi temi pubblicamente.”


“Si sente molto bene con il suo corpo. Ha un rapporto positivo con la sua fisicità, con la sua persona.”


Per lo scatto, Graham ha indossato collant in lattice color argento e abbigliamento intimo ed è stata immortalata in una scultura ondulata realizzata per il suo corpo ed ideata da Amanda Harlech, direttore creativo del set. È stata fotografata su un divano con i capelli bagnati. “Amo l'energia [di Summerton]”, ci spiega Graham. “Mi fa sentire sexy, iconica, stupenda.”


Graham ha affermato di essere onorata di far parte del Calendario. “Sono un’attivista a favore della diversità del corpo nel settore della moda e ovunque nel mondo”, afferma. “È importante per le donne, in ogni fase della loro vita, non avere paura di accettare la propria persona. Non ho mai avuto paura di parlare del percorso che ha riguardato il mio corpo. Perché sappiamo tutti che i percorsi di accettazione del corpo possono essere come giri sulle montagne russe... e penso sia importante per noi portare avanti discorsi onesti e veri su questo argomento, invece di cercare la perfezione e perseguire l'idea che la società ci trasmette come standard di bellezza, perché veramente non esiste uno standard di bellezza.”


“Sappiamo tutti che i percorsi di accettazione del corpo possono essere giri nelle montagne russe... e penso sia importante per noi portare avanti discorsi onesti e veri su questo argomento”