back
ENG
Membership

Adut Akech

The Dream Catcher

"Sognavo di trovarmi in un luogo dove ero libera di fare ciò che volevo"

Il Calendario Pirelli 2023 celebra le muse che hanno ispirato la fotografa Emma Summerton e, più in generale, la forza, la passione e il talento di tutte le donne.


I primi anni di vita di Adut Akech, una delle più amate muse del settore della moda e una delle modelle più ricercate, non potevano essere in maggiore contrasto con la vita che conduce oggi.


Nata il giorno di Natale del 1999, mentre sua madre fuggiva dalla guerra civile nel Sudan del Sud e intraprendeva un pericoloso viaggio verso un campo di rifugiati keniano, dove la famiglia visse durante i primi anni della sua vita.


Da bambina, il sogno di Akech era quello di raggiungere un luogo sicuro – un posto da poter chiamare casa. “Sognavo di non dovere preoccuparmi di fuggire il giorno successivo per la paura di essere rapita o che potessero uccidere i miei genitori”, racconta Akech.


“E sognavo di trovarmi in un luogo dove ero libera di fare ciò che volevo.”


“Sognavo di trovarmi in un luogo dove ero libera di fare ciò che volevo”


Adattamento ai cambiamenti


All'età di otto anni, la famiglia di Akech si trasferì in Australia. Si stabilirono ad Adelaide ed intrapresero il difficile compito di adattarsi alla loro nuova vita.


“Sono sempre stata una delle bambine con la pelle più scura a scuola ed ero spesso bullizzata per il colore della mia pelle, per lo spazio [tra gli incisivi] e per il fatto di non saper parlare inglese”, ha ricordato Akech. “Ma amavo la scuola e pensavo ‘devo comunque stare qui’, quindi trovavo semplicemente un modo per ignorare tutto ciò.”


“Ero spesso bullizzata per il colore scuro della mia pelle… Ma amavo la scuola”


Nel frattempo la modella, che ha cinque fratelli, iniziò ad interessarsi di abiti e moda, approfittando della scorta di trucchi della zia, che provava con entusiasmo insieme ad una sorella. “Non avevo mai visto un trucco prima di allora. Non sapevo neanche di cosa si trattasse, ma me ne sono immediatamente innamorata. In seguito, disponendo di più abiti e maggiori disponibilità, ho iniziato ad avere la passione per i vestiti e l’abbigliamento.”


A 16 anni, si è iscritta ad un'agenzia di modelle locale e la sua carriera ha subito preso il volo. Saint Laurent l'ha ingaggiata in esclusiva per la sfilata della sua collezione estiva nel 2016. È diventata la musa di designer di alto profilo come Pierpaolo Piccioli di Valentino, che l'ha portata al Met Gala 2018, e Karl Lagerfeld di Chanel, per il quale ha aperto e chiuso numerose sfilate. Ha partecipato a servizi fotografici per Fendi, Moschino e Versace, varcato passerelle internazionali per marchi come Calvin Klein, Miu Miu e Prada, e lavorato con molti dei fotografi più importanti al mondo.


Nel 2018, la rivista Time l'ha eletta tra i “25 teenager più influenti” e nel 2019 è stata una delle 15 donne a partecipare a Forces For Change dell’edizione inglese di Vogue, alla cui revisione ha contribuito la Duchessa del Sussex.


Nonostante il suo successo, Akech ha affermato che non è stato “il percorso più semplice” quello che l'ha portata fino a qui. Ringrazia l'etica e la determinazione infaticabile sul lavoro di sua madre che l'ha ispirata.


Una storia incredibile


Nel Calendario Pirelli di Emma Summerton Love Letters to the Muse Akech interpreta “The Dream Catcher” (La Cacciatrice di Sogni). “Amo la poesia”, afferma Summerton. “Adut [ha] e ha avuto uno straordinario ascendente sul settore della moda e le sue origini hanno una storia incredibile, per questo l'ho scelta come impersonificazione della poesia, non solo di una poetessa.”


“Adut [ha] e ha avuto uno straordinario ascendente sul settore della moda e le sue origini hanno una storia incredibile"


Akech è stata fortografata con un abito bianco senza spalline con uno strascico che “rappresenta risme di carta che si spargono sul pavimento”, spiega Summerton. Un grande copricapo simile ad una nuvola realizzato con fazzoletti di carta stropicciati dell'hair stylist Eugene Souleiman per rappresentare “pensieri e pagine avvolte attorno alla testa”.


Lo scatto ha riportato Akech alla sua prima partecipazione al Calendario Pirelli 2018 dal tema Alice nel Paese delle Meraviglie realizzato dal fotografo Tim Walker e curato da Edward Enninful (direttore editoriale dell’edizione inglese di Vogue). È in questa occasione che ha incontrato per la prima volta il suo idolo Naomi Campbell, insieme ad un cast tutto di modelle di colore, tra cui Lupita Nyong’o, RuPaul e Whoopi Goldberg.


“Da quel giorno siamo inseparabili,” ha affermato Akech, che in modo affettuoso si riferisce alla Campbell come “mamma”, dicendo: “È sempre stata un importante modello di riferimento per me. L'ho sempre ammirata, ma ora ricevere i suoi consigli è veramente qualcosa di straordinario.” Akech è anche vicina a Enninful.


Champion of diversity


Oltre che modella, Akech, che ha affermato di essere “molto onorata” di apparire in un secondo Calendario Pirelli, è sostenitrice delle cause dei rifugiati. Si è espressa sulla discriminazione contro le modelle di colore e, in occasione dei Fashion Awards 2019 , dove ha vinto il titolo di Model of the Year, ha tenuto un potente discorso sulla diversità. “Nel mio discorso ho affermato che se una ragazza di colore del Sudan del Sud che viene veramente dal nulla ce l'ha fatta, tutte ce la possono fare. E penso veramente che… se ce la posso fare io, ce la può fare chiunque.”


“Se una ragazza di colore del Sudan del Sud che viene veramente dal nulla ce l'ha fatta, tutte ce la possono fare”